Salento (on the road) e sono contento

685
Salento (on the road) e sono contento

Lo ammetto spesso per le mie mete estive preferisco andare all’estero alla scoperte di luoghi e culture differenti, ma dopo quasi un anno vissuto a Madrid il desiderio di sentire l’Italia sulla pelle era davvero forte. Quindi guarda e riguarda sulla lista dei luoghi da vedere almeno una volta nella vita c’era il Salento, terra calda e accogliente, ricca di tradizioni e con una cucina magnifica, insomma il luogo ideale per soddisfare il mio desiderio di Bel Paese.

Il modo migliore per visitare il Salento? Naturalmente on the road! E allora carichiamo la macchina e si parte!

Partenza dalla mia amata oasi di pace: Marina di Chieuti ( un giorno vi racconterò qualcosa in più) e direzione Salento, la punta del tacco della nostra bella Italia.

Salento con una sosta ad Ostuni

Ragazzi la Puglia è lunga e il pancino brontola dunque dopo quasi 3 ore di viaggio decidiamo di fare una piccola sosta nella città bianca: Ostuni. Un piccolo centro della provincia di Brindisi, arroccato in collina e caratterizzato proprio dal colore bianco di tutte le costruzioni, un bianco che abbaglia e che colora le case e le mura dei suoi stretti vicoletti.

Una vera e propria impresa non perdersi tra queste bianche strandine tutte così simili, ma ci siamo riusciti e ci siamo dedicati alla visita del borgo.

La prima cosa da vedere ad Ostuni è  la Cattedrale di Santa Maria Assunta, costruito nel XV secolo, è caratterizzata da un riuscito mix di gotico e romanico. Nella stessa piazza si trova il Palazzo dell’Episcopio.

Prima di ripartire abbiamo dedicato un attimo alla visita della bianca chiesa quattrocentesca di San Giacomo in Compostella.

Dall’alto Salento al Basso Salento

Dopo aver trovato un alloggio tramite Airbnb nella dependance della villa di una simpatica farmacista abbiamo abbandonato i bagagli direzione comune di Melendugno, dove tra San Foca e Torre dell’Orso si trova la Grotta della Poesia, in compagnia della nuvoletta di fantozzi che ci ha seguito per tutto il nostro viaggio.

Questo spettacolare complesso carsico che crea la Grotta della Poesia Grande da qui un passaggio conduce alla Grotta della Poesia Piccola dove ancora sono visibili sulla roccia i segni e i simboli risalenti al II millennio A.C.

A questo luogo oggi preso d’assalto dai turisti, a tal punto che oggi gran parte della zona è stata transennata per impedire l’accesso selvaggio, è legata una romantica leggenda che racconta di una principessa che amava fare il bagno nelle acque della grotta, vista la sua immensa bellezza ben presto poeti e scrittori iniziarono ad arrivare da tutto il Sud Italia per comporre versi dedicati alla donna, ecco perché questo luogo è ancora oggi conosciuto come Grotta della Poesia.

Le cose da vedere nella splendida terra salentina sono davvero tante, basta continuare lumgo la costa per trovare la splendida Otranto.

Città che vanta una storia imponente di cui porta i segni nelle sue viuzze e nelle costruzioni e che la rendono una delle città più belle della Puglia.

Il centro storico di Otranto è un labirinto nel quale troverete numerosi negozietti di artigianato e locali.

 

Degno di nota il porto in passato centro nevralgico per gli scambi con il Medio Oriente, oggi piccolo porticciolo turistico e peschereccio. Assolutamente da non perdere la Cattedrale, che vanta il primato di chiesa più grande della Puglia ed il Castello Aragonese.

Trovare una bella spiaggia in Puglia non è di certo un’impresa, da Otranto infatti basta allontanarsi un po’ da centro per trovare la Baia dei Turchi,o ancora i laghi Alimini ai quali si accede al mare attraverso una lingua di sabbia tra i due laghi. La spiaggia di Torre dell’Orso che alla vista sembrerà una meravigliosa cartolina, lì potrete rilassarvi sulla spiaggia di sabbia bianca e finissima.

Salento (on the road) e sono contento: Santa Maria di LeucaIl nostro trip road del Salento prosegue verso quella che dagli antichi veniva definita finis terrae, Santa Maria di Leuca la punta estrema dell’Italia. Tappe obbligate sono il faro e il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae il cui piazzale è collegato al porto sottostante attraverso una scalinata composta da 284 gradini.

Uno dei mari più affascinanti della costa Salentina che dista solo 45 km dalla famosissima Gallipoli. Un percorso ricco di spiagge meravigliose che non vi faranno affatto annoiare, tra cui Torre Vado, le marine di Salve: Posto Vecchio, Pescoluse, Torre Pali, Lido Marini. E poi ancora Torre Mozza, Torre Suda, Marina di Mancaversa e Torre San Giovanni.

Il nostro itinerario in giro per il Salento si conclude con Gallipoli, meta preferita dei giovani negli ultimi anni, non è solo discoteche e happy hours ma è anche un affascinante cittadina, che viene suddivisa tra il suo borgo nuovo e vecchio.