Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti

532
Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti
Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti

Puglia itinerario non convenzionale. Pensate di conoscere la Puglia in lungo e in largo? Vi dico perché non è così.

Se come me amate gli itinerari non convenzionali siete sull’articolo giusto!

Ormai sono anni che andate in Puglia per le vacanze. Le avete viste tutte! Siete stati in Salento nella movimenta Gallipoli o nella bella Santa Maria di Leuca.

Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti

Avete visitato il Gargano con le sue scogliere a picco e i suoi resort di lusso. Quasi sicuramente sarete stati ad Alberobello e magari avete visitato anche il famoso zoo di Fasano. E la convinzione di aver vissuto tutta la Puglia vi da il coraggio di decidere di cambiare regione! Beh sto per distruggere tutte le vostre convinzioni!! muahuhaua (leggi come risata malefica.)

Scherzi a parte la Puglia è davvero enorme, ed è bella tutta! Dalle zone interne alle costiere, da quelle conosciute a quelle più nascoste. Vi ho parlato di Ruvo di Puglia e di Biccari, ora invece vi porto nei piccoli comuni di Serracapriola e Chieuti che mi hanno fatta irrimediabilmente innamorare circa 7 anni fa.

Serracapriola e Chieuti: quando la Puglia si divide tra mare e cultura

Se la Puglia resta fiore all’occhiello del turismo Italiano, Serracapriola e Chieuti, fuori dal ciclone, dai flussi turistici di massa dei fratelli più famosi, conservano un fascino antico racchiuso all’interno delle loro antiche mura. Il paese vecchio fatto di case e strade di pietra, dove è ancora possibile incrociare gli anziani comodamente seduti fuori dalle loro abitazioni. Insomma un altro comune che come quello di Biccari sembra essere immune alla velocità e allo stress del mondo moderno.

Ecco quello è il mio luogo fuori dal mondo! La mia oasi di pace, dove vado a ricaricare le batterie.

Momenti di relax sulla mia Hammock Chair Tropilex
Momenti di relax sulla mia Hammock Chair Tropilex (Advertising)

Momenti di relax sulla mia Hammock Chair Tropilex (Advertising)Con i suoi campi che alternato distese coloro oro di grano a quelle gialle di girasoli per passare dal rosso dei pomodori. Il luogo dove la parola relax diventa tangibile.

Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti

Serracapriola: un bagno tra storia e religione

Dopo la parte poetica vi do anche un po’ di informazioni storiche.

Serracapriola, comune in provincia di Foggia immerso all’interno del Parco Nazionale del Gargano, a confine con il Molise e posto a pochi chilometri dal mare, si presenta come una vera e propria perla nascosta del nostro Stivale.

Se il ricco patrimonio monumentale ed artistico rappresenta il punto forte di questa località, davvero particolare, non mancano luoghi dedito al relax.

Il Patrimonio Monumentale

Dal Convento dei Padri Cappuccini, luogo vicino alla figura di San Pio da Pietralcina, al Convento della Madonna delle Grazie, Serracapriola diventa un posto preferenziale per gli amanti del turismo religioso.

Non manca la storia, quella bella, con riferimenti a Federico II di Svevia, da cui Serracapriola trae le proprie origini.

Non son mancate le catastrofi, a partire dal coinvolgimento nella battaglia di Lepanto (1566) quando la città venne attaccata dai Turchi, fino al terremoto del 1627 che distrusse gran parte della città.

Da non perdere il patrimonio artistico e monumentale, dall’architettura civile (vedi il castello dell’XI sec.) che rappresenta il vero cuore della città e della storia cittadina.

Uno sguardo al turismo religioso

Non manca l’accento relativo ai monumenti religiosi, come la Chiesa di Santa Maria in Silvis, costruzione più antica e coetanea del castello.

Occhio anche alla Chiesa di San Mercurio che risale al 1630 all’interno della quale sono presenti diversi altari dedicati a santi differenti con relative reliquie.

Del XVII sec. invece la chiesa sconsacrata di Sant’Antonio Abate che precede, almeno cronologicamente, la Chiesa di Sant’Anna (1742).

Altro sito davvero interessante è quello della chiesa di Sant’Angelo fondata come area di culto extramurana nel 1436 dai padri Cistercensi e fu ampliata poi dal 1474 sino al XVIII.

Interessante l’intersezione storica con i Gonzaga che curarono la seconda fase di edificazione.

Passiamo alla Chiesa e al Convento di Santa Maria delle Grazie eretti originariamente nel 1536 fondati dal cappuccino padre Paolo da Sestino e finanziati da Andronica Del Balzo, principessa di Molfetta e signora di Serracapriola.

Marina di Chieuti: convivenza e rispetto tra uomo e natura

Piccola e suggestiva, Marina di Chieuti è una località balneare davvero caratteristica. Sita in provincia di Foggia e legata al comune di Chieuti è sorta solo recentemente come vera e propria meta turistica.

Puglia itinerario non convenzionale: Serracapriola e Chieuti

Dall’Impero alla corona Aragonese

In età romana e visse una stagione di grande crescita fino all’arrivo dei Goti nel VI secolo che saccheggiarono l’intera zona.

Da allora la città romana venne abbandonata e ancora oggi non è stato possibile trovare i resti del sito originario, mentre la popolazione in fuga si stabilì più a sud fondando l’odierna Chieuti.

La bella Chieuti si inserisce tra quelle città Aragonesi che rimasero fedeli alla corona grazie anche all’intervento di Gjergj Kastrioti Skënderbeu, un condottiero albanese che sbarcò sulla costa pugliese in aiuto degli spagnoli.

Chieuti: località balneare nascosta tra le braccia della natura

Torniamo però al nostro presente perché Marina di Chieuti si presenta, dal punto di vista balneare, come una lunga striscia di sabbia chiara che si allunga fino alla vicina Campomarino (Molise).

Stabilimenti all’avanguardia, ma anche spiaggia selvaggia, Chieuti presenta due volti della stessa medaglia. Allora conviene montare un’amaca e lasciarsi dondolare dalla brezza calda.

Momenti di relax sulla mia Hammock Chair Tropilex

L’intera area è caratterizzata da acqua poco profonda e un mare molto calmo che la rendono adatta a famiglie con bambini piccoli, che avranno ancora più sicurezza sulla spiaggia nei pressi del centro di Marina di Chieuti dove i bagnini sono in servizio per tutta la giornata.

Il Centro Storico

Da non perdere il centro storico di Chieuti pixellato da vicoli stretti lastricati e affiancati da basse case dall’aspetto “vetusto” tanto per restare in un mood greco-latino.

In questo labirinto di vicoli si possono visitare la suggestiva chiesetta neoclassica di San Giorgio Martire e la bella piazzetta di Largo IV novembre che si affaccia verso l’entroterra pugliese.

In conclusione possiamo dire che il tandem Serracapriola – Chieuti si presenta vincente, adatto per coloro che amano il buon sole, il mare limpido e che contemporaneamente sono animati dalla curiosità di scrutare le origini di un popolo che, pensandoci bene, resta ancora lo zoccolo duro delle nostre tradizioni.