Come creare un itinerario di viaggio

28
creare un itinerario di viaggio
creare un itinerario di viaggio

Come creare un itinerario di viaggio: ecco cosa fare.

Quanto è importante sapere come creare un itinerario di viaggio? Beh, se volete lasciare il nido per un po’ di giorni, con l’obiettivo visitare più mete, è indispensabile un minimo di programmazione. È sempre bello partire, scoprire luoghi nuovi, saziare la curiosità ma, molto spesso, capita di non riuscire a sfruttare il tempo in maniera piena e soddisfacente.

Che si tratti di un weekend, che sia una settimana o anche di più, è fondamentale porsi degli obiettivi. Prima di caricare le valige allora possiamo pensare a cosa fare, cosa visitare e soprattutto in che modo scandire i tempi.

Una buona pianificazione è metà dell’opera

Il primo consiglio sta nella “pianificazione dell’itinerario”. Non è difficile, basta raccogliere le informazioni necessarie relative al luogo in questione. Per informazioni non intendo soltanto i luoghi visitabili, bensì soprattutto le necessità.

A seconda del mezzo di trasporto cambiano i punti di vista. Ad esempio se decidessi di partire in aereo è necessario che pensi anche a come spostarmi sul luogo d’arrivo. Quindi potrebbero risultare utili i contatti di un buon noleggio auto. Tra i numeri utili non dimentichiamo alberghi, indicazioni stradali e perché no, luoghi di ristoro.

Creare un itinerario di viaggio: la lista dei sogni

La lista dei sogni, proprio cosi se non sai come creare un itinerario di viaggio, ti consiglio di partire proprio da qui. Elenca tutto ciò che vorresti fare, prendi carta e penna e inizia a buttar giù due righe. Magari può risultare utile recepire informazioni sugli eventi in itinere, in quel preciso periodo dell’anno.

Il viaggio è sempre una questione di tempi

Occhio ai tempi di percorrenza tra una meta e l’altra. La gestione del tempo è davvero importante. Una cattiva organizzazione, da questo punto di vista, potrebbe aumentare notevolmente la permanenza in auto (soprattutto se immagini un viaggio on the road). Tieni presente i tempi di permanenza nei luoghi da te scelti e, soprattutto, immagina di montare il tuo itinerario “in successione”, ovvero, considerando la possibilità di scegliere città adiacenti o ben collegate.

Non esiste viaggio senza mappa a bordo quindi ti consiglio di tenere Google Maps a portata di smartphone.

Calcolare le spese e tenerle sotto controllo, ecco come fare.

Creare un itinerario adatto alle tue esigenze, ma soprattutto alle tue possibilità, è direttamente proporzionale al budget di riferimento. Quindi chiediti: “che tipo di viaggio immagino?”. Per questo Google Fogli può risultare utile, sia per un calcolo approssimativo delle spese, ma soprattutto perché potrai portare con te il tuo piano economico e modificarlo in qualsiasi momento.

Sole o pioggia? No problem, basta il piano B.

È sempre consigliabile un asso nella manica. Considera le previsioni meteo, prendi in considerazione la possibilità di un piano B, soprattutto per quelle mete suscettibili alle condizioni metereologiche. Se ad esempio ho intenzione di programmare un viaggio “sole e mare”, non dimenticare di individuare due o tre destinazioni (a seconda della lunghezza del viaggio) che prescindano dalle condizioni meteo.